Chi sono


Sono nata nel 1968 a Treviso, nel tempo della vendemmia. Sono sposata con Nicola. Ho due figli, Romano e Pietro, ormai grandicelli.
Vivo tra Baone e Padova.

Da bambina avevo alcune grandi passioni:

– i gatti;
– la lettura;
– il disegno;
– e l’agricoltura (no, non sto scherzando).

A ventisei anni vivevamo in una bella casa di città ma la campagna mi mancava da morire e così anche a Nicola.
Era primavera e con grande gioia cominciammo la ricerca della casa dei nostri sogni tra le colline Euganee. Ce ne siamo innamorati subito! La cinquecentesca affascinante realtà di Villa Ca’Orologio, già dei Dondi dall’Orologio, con il vigneto del “Brolo” (terreno di pertinenza delle antiche dimore di campagna) e la “Barchessa” (tradizionale fabbricato rurale), dopo il restauro durato quasi cinque anni, sono sede oggi dell’azienda vitivinicola, dell’agriturismo “Brolo di Ca’Orologio” nonché nostra adorata abitazione.

E così, come doveva esse scritto nel mio destino, nel 1995 sono finalmente diventata un’agricoltrice. Inizialmente cedendo le uve, e nel 2002 facendo il vino per la prima volta. Non ho un percorso di studi inerenti all’enologia e quello che ho imparato finora l’ho appreso dalla pratica, da consulenze di valore e, più che mai, dalla voglia di far bene. “Études sur le vin” di Louis Pasteur è stato un testo immensamente avvincente, ma non ha certo fatto di me un’enologa.

E quanti anni si impiegano per padroneggiare l’arte di fare il vino con un’uva che tutti gli anni è diversa? Forse una vita non basta. Credo però che intuito, fantasia, curiosità e coraggio di spingersi sempre un po’ oltre – e probabilmente anche un po’ di fortuna – non guastino affatto.

Maria Gioia Rosellini

condividi